Pronte le linee guida e le direttive per il funzionamento dell‘Organismo di controllo dei Consulenti Finanziari Indipendenti.

Il 15 Dicembre scorso, il tavolo di lavoro tra la Consob e gli organi di categoria (Aiaf, Assolinance, e Nafop) ha dichiarato fattibile l’istituzione dell’Albo dei Consulenti.

Ora non resta che aspettare il via libera del Ministero dell’Economia, che nelle prossime settimane dovrà definire i requisiti richiesti per le persone giuridiche. Mentre si conosce già l’opinione del nuovo Presidente della Consob, Giuseppe Vegas, che già da tempo appoggia l’istituzione dell’Albo.

L’ente organizzativo, statuario, e finanziario, è stato dichiarato economicamente sostenibile, ma sono attese comunque delle difficoltà nel reperimento dei fondi necessari all’avvio delle attività dell’Organismo. Soprattutto se si guarda ai mesi iniziali di gestione, quando ancora non ci saranno i soldi dei nuovi iscritti.

Si spera in un contribuito statale dato che l’interesse pubblico è alto – afferma Cerare Armellini, presidente Nafop -, nel giro di qualche anno saranno tra i 4mila e i 10mila i soggetti interessati all’iscrizione all’Albo dei Consulenti Indipendenti.

Nelle prossime settimane è atteso l’ultimo passaggio al Ministero dove, visti i molti interessi in gioco, si creeranno non pochi attriti nel mondo della consulenza.
Sarà necessario istituire regole restrittive per l’accesso, in modo che tutti i consulenti risultino liberi da possibili conflitti di interesse.

Scarica e leggi l’articolo completo de IlSole24Ore con l’intervista al presidente Nafop, Cesare Armellini.